Seggiolini Anti Abbandono

In seguito alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e all’approvazione della Legge 117/2018, il 7 novembre 2019 è entrato in vigore l’obbligo dell’utilizzo di seggiolini anti abbandono (oppure dispositivi che si collegano ai seggiolini) che segnalano la presenza nell’autovettura di un bambino.

Secondo il Decreto attuativo, ogni sistema deve essere in grado di inviare un segnale al conducente e di attivarsi autonomamente nello stesso momento in cui il bambino viene seduto nell’apposito seggiolino antiabbandono. Inoltre, in caso di allarme, il dispositivo deve attirare l’attenzione dell’adulto più vicino, emettendo segnali acustici o visivi che allertano della presenza del minore nell’auto.

La repentina attuazione della Legge ha azionato un meccanismo di domanda-offerta, alimentato dall’esigenza da parte delle famiglie di dotarsi in tempo di un sistema anti abbandono a norma, per non incorrere in sanzioni e da parte delle aziende, di offrire un prodotto soddisfacente, ma soprattutto regolare.

Ed è proprio grazie alle aziende del settore del Baby Care che sul mercato sono apparsi sia seggiolini antiabbandono con dispositivo anti abbandono integrato, che idonei dispositivi da integrare nei seggiolini auto già posseduti. Questi particolari seggiolini auto con dispositivo anti abbandono hanno appositi sensori di pressione che, a contatto con il bambino, rilevano a distanza l’allontanamento dell’adulto, attivando l’allarme, che può essere lanciato sia tramite messaggio su dispositivo connesso, sia con suono diffuso nelle vicinanze dell’auto stessa.

I seggiolini auto con dispositivo anti abbandono presenti sul mercato permettono, infatti, di collegare uno o più smartphone, scaricando l’applicazione gratuita e scannerizzando il QR code, che si trova sull’etichetta in dotazione con il seggiolino antiabbandono.

Creando, poi, un account di famiglia, è possibile inserire diversi numeri di emergenza, che saranno tenuti a riferimento dal seggiolino antiabbandono nel caso in cui deve inviare una notifica e informare dell’abbandono del bambino. Per obbligo, seggiolino anti abbandono è da considerarsi a norma solo quello con dispositivo anti abbandono capace di attivarsi autonomamente.

L’offerta del mercato

L’offerta di seggiolini con dispositivo anti abbandono salva bambini con sistema integrato propone alcuni modelli di seggiolini auto con sensore anti abbandono prodotti da Chicco in collaborazione con Samsung, le due aziende a cui va il merito di aver progettato e sviluppato il sistema BebéCare utilizzato nelle diverse tipologie di seggiolino auto anti abbandono “Oasys iSize”, “Oasys 0+ UP”, “AroundU i-Size” e “SeatUp 012”. Questi modelli di seggiolino auto anti abbandono sono sicuri, perché sono seggiolini auto con sensore anti abbandono integrato per non compromettere il sistema di sicurezza; sono semplici e facilmente intuibili, grazie all’App messa in dotazione dalla stessa Chicco, che collega il seggiolino con dispositivo anti abbandono al telefono dell’adulto; sono, inoltre, conformi alla legge e veloci. In ogni seggiolino antiabbandono, prezzi e caratteristiche differenti offrono al genitore una più ampia scelta.

Dalla Germania arriva il modello di seggiolino con dispositivo anti abbandono integrato della Cyberx, azienda che ha creato il modello “CYBEX Pallas-Fix”, un seggiolino con sistema anti abbandono utilizzabile fino a 11 anni di età, formato da un innovativo cuscino di sicurezza regolabile e trasformabile nel Gruppo 2/3, CYBEX Solution X-Fix, connesso al sistema ISOFIX Connect. Altri modelli di seggiolino auto con sistema anti abbandono sviluppati dall’azienda tedesca sono il seggiolino antiabbandono “Cybex Gold Sirona S i-Size”, il seggiolino auto anti abbandono “Cybex Gold Sirona M2 i-Size” e il seggiolini auto con dispositivo anti abbandono“Aton M I-Size”.